//

Show Posts

This section allows you to view all posts made by this member. Note that you can only see posts made in areas you currently have access to.

Messages - ffiorenzano

Pages: 1 [2]
16
I vostri prototipi / Re: Fishing Boats, un gioco nuovo, ma vintage
« on: 11 February, 2019, 11.00 »
Ciao,
forse non ho chiarito abbastanza bene che ogni giocatore parte già con un porto assegnato, da dove parte la barca, a cui può vendere il pesce pescato.
Nel corso del gioco si può anche cambiare porto, quando li pedone "Armatore" :-) finisce su una casella con l'icona del porto, magari per evitare di dover riattraversare tutto il mare muovendo di 2 esagoni a turno.
L'unica strategia del pedone consiste nella scelta di quale tipo di bonus prendere quando si va sull'icona del porto, o in alternativa cambiare porto.
Effettivamente il movimento del pedone è l'aspetto più aleatorio, d'altra parte il mio gioco è vintage non perché l'ho definito così, ma proprio per alcuni meccanismi un po' "fuori moda".

Posso chiederti perché hai pensato che l'armatore potesse non avere un porto? Se l'hai dedotto leggendo il manuale allegato, è evidente che devo scrivere meglio quel paragrafo...

Grazie ;-)

17
I vostri prototipi / Fishing Boats, un gioco nuovo, ma vintage
« on: 10 February, 2019, 20.00 »
Ciao a tutti,
vi presento Fishing Boats, un gioco la cui prima realizzazione risale alla fine degli anni '70, quando lo creai per dei cuginetti di 10 e 12 anni.
L'ho ripreso dal cassetto della mia mente dove era nascosto e ne ho fatto una versione più moderna, ma sempre molto vintage, nell'aspetto e nei meccanismi.
Lo scopo è andare a pesca con un peschereccio, muoversi per il mare cercando zone di pesca sfruttabili e tornare al porto per vendere il pesce.
Il tabellone è formato da un percorso esterno, dove muovono i segnalini dei giocatori, e un'area interna esagonata, dove muovono i pescherecci.
Al proprio turno il giocatore lancia un dado, muove il pedone e ottiene dei bonus, che accumulati consentono di migliorare le caratteristiche della barca.
Ci sono 4 elementi, ognuno di 3 livelli: la capacità di carico prima di dover tornare al porto, la quantità di pesce pescata per turno, la distanza a cui si può usare il sonar, la distanza a cui può arrivare il peschereccio.
Nel mare ci sono 12 zone di pesca, di cui 6 attive contemporaneamente, associate a due a due. Quando si pesca in un'area la tessera si elimina e si attiva l'area associata.
In questo modo le zone dove pescare cambiano di continuo e i giocatori devono sfruttare al meglio le risorse, in particolare il sonar e il motore.
Il gioco è molto semplice e dipende abbastanza dalla fortuna, ma è comunque necessaria un po' di strategia per evitare di girare a vuoto in mare.

In allegato il manuale di istruzioni (senza immagini per il forum, altrimenti sarebbe troppo grande) e un'immagine tratta da Tabletopia.
Infatti l'ho portato su Tabletopia per i miei test, così è più semplice modificare il prototipo anche pesantemente, senza dover stampare e ristampare ogni volta.

18
Fare il prototipo / Prototipo su Tabletopia e condizioni d'uso
« on: 03 February, 2019, 12.20 »
Ciao a tutti,

stavo pensando di portare su Tabletopia un mio gioco, soprattutto per playtest, ma mi lasciano un po' perplesso le condizioni che si devono accettare per la pubblicazione (anche in area privata).

In pratica Tabletopia dice che se carico qualcosa sul loro sito possono farci praticamente tutto, sia pure non in esclusiva, anche concederlo in licenza ad altri, crearne derivati di loro esclusiva proprietà etc...

Nella remota eventualità che trovassi un editore interessato al mio gioco, sicuramente non accetterebbe di dividere i diritti di pubblicazione con qualcun altro.

Chi ha già usato Tabletopia cosa ne pensa? Lo chiedo in particolare a chi ha considerato il problema come poco importante, magari ha pensato a qualcosa che io non ho valutato/capito.

Il paragrafo a cui mi riferisco è questo:

7.2. You grant TABLETOPIA the worldwide, non-exclusive, right to use, reproduce, modify, create derivative works from, distribute, transmit, transcode, translate, broadcast, and otherwise communicate, and publicly display and publicly perform, your Workshop Contribution, and derivative works of your Workshop Contribution in connection with the operation and promotion of the Service, TABLETOPIA.COM account, TABLETOPIA.COM site, TABLETOPIA.COM Client and TABLETOPIA.COM Application. This license is granted to TABLETOPIA for the entire duration of the intellectual property rights and may be terminated if TABLETOPIA is in breach of the license and has not cured such breach within fourteen (14) days from receiving notice from you sent to the attention of the TABLETOPIA. The termination of said license does not affect the rights of any sub-licensees pursuant to any sub-license granted by TABLETOPIA prior to termination of the license. TABLETOPIA is the sole owner of the derivative works created by TABLETOPIA from your Workshop Contribution, and is therefore entitled to grant licenses on these derivative works.


19
Aggiornamento sulle carte stampate su www.printerstudio.de.
Ho stampato una nuova serie di mazzi di carte usando la carta da 310 grammi, la differenza rispetto alla carta da 300 è enorme!
La carta è poco più pesante ma più sottile, quindi più rigida; è patinata e non lucida, quasi perfettamente piatta, mentre quella da 300 è incurvata "al contrario" (il dorso è stampato nella parte concava, con un effetto esteticamente non eccelso).
Rispetto alle carte da gioco classiche in materiale plastico, queste sono molto simili, solo più sottili.
Confermo che il colore blu (e il ciano) è più scuro del previsto, conviene schiarirlo prima di mandarlo in stampa.
Anche in questo caso spedizione dalla Cina con FedEx, dall'ordine alla consegna meno di dieci giorni, nessuna spesa aggiuntiva di dogana.
Il prezzo delle carte (10 mazzi da 108) è stato di 181,90 Euro, spedizione inclusa.


20
Aggiungo un'immagine delle carte, per chi fosse interessato a vederle.
Il prototipo l'ho fatto tramite il sito www.printerstudio.de, su carta da 300 g, un po' leggerina ma sufficiente per giocare e testare.

21
(...continua)
"Partitissima" (da "Ramino") - 2-6 giocatori. A ogni giocatore vanno 6 consonati e 6 vocali. I due mazzi al centro tavolo, coperti, si gira la prima carta di ogni mazzo. Al proprio turno si prende una vocale o una consonante, o uno dei due scarti. Si cerca di comporre parole valide e si scarta una carta a piacere. Come nel "Ramino" è possibile prendere gli scarti da terra fin dall'inizio. Si chiude il gioco calando tutte le carte, formando una parola di 12 lettere oppure due parole di 6-6, 7-5, 8-4, 9-3 lettere. Alla chiusura, gli altri giocatori possono comporre una parola e pagare i punti delle altre carte che hanno in mano. Chi chiude sottrae dal suo totale la lunghezza massima delle parole trovate (quindi 6,7,8,9 o 12 punti).
Anche qui si può complicare il gioco usando le carte "argomento", le due parole devono essere relative ad uno o due dei 6 argomenti della carta estratta.
(continua...)

22
Grazie a Nero79 per la risposta :-)

Comunque non penso che Quiddler somigli poi tanto al mio "15/10", soprattutto perché il meccanismo dell'apertura (derivato dalla Scala 40) nel Quiddler non c'è, e il calcolo dei punti è molto diverso, cosa che influisce sulla tattica di gioco, a mio parere.
Giocare con le carte Argomenti, poi, riesce a dare quel qualcosa in più che rende più impegnativa la partita.

In giochi molto simili (e quelli alfabetici si somigliano tutti...) i dettagli fanno la differenza.

Comunque apprezzo i commenti e le idee diverse, cercherò di farne tesoro nelle prossime versioni.
Intanto aggiungo la descrizione di qualche altro gioco...

P.S.
Al momento attuale il mio scopo non è proporre la mia idea a un editore, ma fare qualcosa che funzioni e possa divertire, poi si vedrà...

23
(...continua)
"15/10" (da "Scala 40") - 2-5 giocatori. A ogni giocatore vanno 10 consonati e 5 vocali. I due mazzi al centro tavolo, coperti, si gira la prima carta di ogni mazzo. Al proprio turno si prende una vocale o una consonante, si cerca di comporre parole valide e si scarta una carta a piacere. Come nella "Scala 40", si deve "calare" una parola di senso compiuto di almeno 3 lettere il cui punteggio sia almeno 10. Fatta l'apertura è possibile prendere anche gli scarti da terra e aggiungere lettere ai giochi di altri giocatori. Si chiude il gioco calando tutte le carte. Non si può chiudere al primo giro. Alla chiusura, i giocatori pagano i punti delle carte che hanno ancora in mano. A chiusura "in mano" si paga doppio.
Si può complicare il gioco usando le carte "argomento", l'apertura si può fare solo con una parola relativa ad uno dei 6 argomenti della carta estratta.
(continua...)

24
I vostri prototipi / Alfa&Beto - Giochi di carte e di parole
« on: 18 March, 2015, 9.44 »
Come ho accennato nel post di presentazione, ho realizzato un gioco di carte attualmente nella fase di prototipo e test.
Si tratta di un mazzo di carte (con cui effettuare vari giochi) con le lettere dell'alfabeto, 54 consonanti (di cui due asterischi-jolly, dorso blu), 48 vocali (due jolly, dorso rosso), 6 carte "Argomenti", ognuna con 6 argomenti (dorso giallo).
Ogni carta consonante o vocale ha un numero, che in base alle regole del singolo gioco può essere un punteggio o una penalità.
Sul manuale della versione attuale ci sono 12 giochi, alcuni originali (almeno spero), altri con padri più o meno riconoscibili.
Ve ne presento sommariamente qualcuno (i nomi sono molto provvisori, anzi si accettano consigli...)

"Indovinalettere" - 2-6 giocatori. Niente jolly. A ogni giocatore vanno 3 consonanti e 1 vocale, coperte; le consonanti devono essere diverse, i doppioni vanno sostituiti (coperti). Ogni giocatore deve indovinare le carte dell'avversario alla propria sinistra. Si comincia estraendo una carta "Argomenti"; il giocatore di turno dice una parola relativa a uno dei 6 argomenti della carta estratta, a sua scelta. Il giocatore a sinistra risponde con un numero che indica quante delle sue carte sono presenti nella parola detta, da 0 a 4. In alternativa, il giocatore di turno può dire una lettera e il giocatore a sinistra se ce l'ha gliela consegna.
Si continua finché un giocatore indovina le 4 lettere del suo avversario. Il vincente prende 8 punti, gli altri giocatori 1 punto per ogni lettera che hanno conquistato. A questo punto si gira un'altra carta argomenti e si danno di nuovo le carte. Vince la partita il primo che raggiunge il punteggio prefissato.
(continua...)

25
La stampa mi piace, ma non ho immagini sulle carte, solo testo, sia pure a colori. Non ho idea su come potrebbe comportarsi con cose più elaborate, tipo fotografie.
Il blu mi è parso un po' più scuro del previsto, mentre rosso e giallo sono perfetti.
Lo carte sono leggerine, d'altra parte ho scelto la carta da 300 g, si potrebbe usare da 310 (con un euro in più di costo per il mazzo da 108 carte) oppure il materiale plastico, ma lì il costo quasi raddoppia.
Nel complesso sono soddisfatto, devo solo vedere come si comportano dopo averle mischiate più volte, non vorrei che si rovinasse il filo...
Comunque, 10 mazzi da 108 carte con dorso e fronte personalizzato mi sono costate 166,10 euro spese comprese.

26
Varie ed eventuali / Ispirazione e plagio
« on: 11 March, 2015, 11.47 »
Domanda difficile: dato che nel creare un nuovo gioco inevitabilmente ci si rifà al passato, fino a che punto si può parlare di ispirazione e dove comincia il plagio?
Nello specifico: ho ideato un mazzo di carte alfabetiche con cui si possono fare molti giochi, nel regolamento provvisorio ne ho una dozzina; alcuni sono abbastanza originali, ma altri hanno dei padri evidenti, sia pure con modifiche, tipo Paroliere, Lexicon, Verba Volant...
Dove inizia il plagio, sia moralmente che legalmente?
Dovrei fare un regolamento solo con giochi squisitamente originali e lasciare gli altri alla fantasia dei giocatori?

27
Mi sono arrivate le carte da printerstudio.de, spedizione dalla Cina con FedEx, partite il 5 marzo e arrivate in un paese in provincia di Salerno il 10 marzo. Sorprendente!
Ho pagato l'equivalente dell'IVA in Germania, poi nulla per la dogana, strano perchè pensavo di dover pagare qualcosa.
A meno che ci sia qualche accordo per cui le spese doganali le paga il sito tedesco... boh.

28
Vedo che non è segnalato il sito http://www.printerstudio.de che è la versione tedesca di printerstudio.com.
A parte la scomodità della lingua ha come lato positivo che spediscono dalla Germania, quindi tempi più brevi e nessun problema di dogana.
Qualcuno l'ha provato?
Io ho fatto un ordine di carte da gioco personalizzate, ma da pochi giorni. Appena arrivano vi aggiorno...

Se non volete impazzire con i menù in tedesco, ecco il link alla pagina delle carte: http://www.printerstudio.de/fotogeschenke/spielkarten-unbedruckt.html

29
Presentazioni e convenevoli / Ciao...
« on: 04 March, 2015, 14.21 »
Ciao a tutti, mi chiamo Fernando, ho creato un gioco da tavolo 30 anni fa, che ha totalizzato ben 4 giocatori, e ora ho realizzato un mazzo di carte con cui si possono fare vari giochi, per ora una dozzina...
Ho fatto un bel giretto sul forum: complimenti a tutti i partecipanti!
 

Pages: 1 [2]