//
Pages: [1] 2 3

Author Topic: scelta dell'ambientazione  (Read 12128 times)

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
scelta dell'ambientazione
« on: 10 December, 2010, 14.27 »

Ciao ragazzi volevo chiedervi un consiglio...

siccome ho inventato un sistema di gioco per giochi di carte, volevo chiedervi alcune info:
visto che mi piace la storia, quali ambiantazioni storiche hanno più fans?
Antichità (mondo preromano)
Antichità (antica roma)
Alto medioevo
basso medioevo e rinascimento
guerre napoleoniche
I guerra mondiale
II guerra mondiale
guerra vietnam
III guerra mondiale (ambientazione stile cyberpunk ma comunque di guerra)

voi che dite?

grazie
a presto Storm

Plautus

  • Utente registrato
  • Posts: 239
  • Il gioco è una metafora della vita
    • Autore edito
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #1 on: 10 December, 2010, 16.59 »

A me piace il medio medioevo :)

Scherzi a parte... penso che la storia antica sia più gettonata.
Logged
Quando l'allievo è pronto... il maestro arriva!

zx21

  • Utente registrato
  • Posts: 166
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #2 on: 10 December, 2010, 18.02 »

intendi ai giocatori di War Game o in generale?

Nel primo caso il Napoleonico e quello più seguito, nel secondo invece l'antico Egitto e molto apprezzato.
Logged

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #3 on: 11 December, 2010, 10.17 »

intendi ai giocatori di War Game o in generale?

Nel primo caso il Napoleonico e quello più seguito, nel secondo invece l'antico Egitto e molto apprezzato.

ok grazie...

beh intendo come wargame, ma nn si esclude l'utilizzo anche in un gestionale :)

Rayden

  • Utente registrato
  • Posts: 72
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #4 on: 11 December, 2010, 11.05 »

Non mi baso su dati statistici ma su impressioni personali, e credo che sia necessario distinguere tra i generi. Io direi che roma antica si presta per un genere politico/diplomatico, le guerre mondiali per giochi di tattica, le guerre napoleoniche per wargame.
Logged

Nestore

  • Global Moderator
  • Posts: 1165
    • Autore edito
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #5 on: 11 December, 2010, 11.09 »

un "wargame" di carte sulla terza guerra mondiale mi sa che esiste (di una casa editrice polacca), oltre alla bellissima ambientazine di mutant chronicles (gioco orrendo) in stile cyberpunk.

Adoro il cyberpunk, se avessi bisogno di qualcuno che ti aiuta a sviluppare un'ambientazione del genere... sono a tua disposizione.
Logged
In UNO Extreme! compare uno smazzatore automatico a pile che sostituisce il mazzo pesca. All'atto di pescare quindi il giocatore attiva lo smazzatore, il quale può rilasciare un numero casuale di carte che va da 0 a 8.

zx21

  • Utente registrato
  • Posts: 166
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #6 on: 11 December, 2010, 18.09 »

Ciao

Un consiglio:

Se voui fare un gioco di ambientazione storica rivolta ai giocatori di War Game, devi assulutamente essere preciso. questo tipo di giocatore difatti guarda con particolare attenzione ai particolari , che a noi altri "comuni mortali" non importano un fico secco.
 Quindi se ad esempio fai un napoleonico ambientato nella battaglia di Waterloo e ci metti una cavalleria Napoleonica o di un qualsiasi altro schieramento presente sul campo di battaglia, che invece era all'epoca stanziato da un altra parte che ne so magari in Spagna, sono guai.
 
Logged

Marco Valtriani

  • Utente registrato
  • Posts: 668
    • Autore professionista
    • View Profile
    • My Blog
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #7 on: 12 December, 2010, 12.46 »

Attenzione, perchè "quale ambientazione ha più fan" cozza con "quale ambientazione è più originale?"
Cioè: fare un gioco basato sulle carte, che abbia come tema "alleanze & colpi bassi", ambientato a Roma ha senz'altro senso. Ma proprio perchè ha senso, un paio di anni fa è uscito Caligula che ha esattamente quel setting e quello spirito.
Insomma, fare un gioco fantasy in cui si menano dei maghi ha ovviamente appeal (l'avevo fatto pure io), ma si paga lo scotto nei confronti di Magic, Summoner Wars, MageStorm e compagnia.
Logged
Marco Valtriani
Red Glove Edizioni & Distribuzioni
Lead Designer
--
Board Game Designers Italia

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #8 on: 12 December, 2010, 15.14 »

un "wargame" di carte sulla terza guerra mondiale mi sa che esiste (di una casa editrice polacca), oltre alla bellissima ambientazine di mutant chronicles (gioco orrendo) in stile cyberpunk.

Adoro il cyberpunk, se avessi bisogno di qualcuno che ti aiuta a sviluppare un'ambientazione del genere... sono a tua disposizione.

beh si visto che il sistema di gioco è pronto si presta a svariate ambientazioni con l'apporto di piccole modifiche, quindi avrei biogno di un disegnatore e di un aiuto per l'ambiantazione nel caso fosse cyberpunk...
se ti va di darmi una mano nn rifiuto affatto..

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #9 on: 12 December, 2010, 15.17 »

Ciao

Un consiglio:

Se voui fare un gioco di ambientazione storica rivolta ai giocatori di War Game, devi assulutamente essere preciso. questo tipo di giocatore difatti guarda con particolare attenzione ai particolari , che a noi altri "comuni mortali" non importano un fico secco.
 Quindi se ad esempio fai un napoleonico ambientato nella battaglia di Waterloo e ci metti una cavalleria Napoleonica o di un qualsiasi altro schieramento presente sul campo di battaglia, che invece era all'epoca stanziato da un altra parte che ne so magari in Spagna, sono guai.

eheh grazie del consiglio...
hai ragione , ma lo dici ad un fanatico della storia, che ha una sorella con due lauree in storia..

:)

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #10 on: 12 December, 2010, 15.22 »

Cioè: fare un gioco basato sulle carte, che abbia come tema "alleanze & colpi bassi", ambientato a Roma ha senz'altro senso. Ma proprio perchè ha senso, un paio di anni fa è uscito Caligula che ha esattamente quel setting e quello spirito.

beh no il sistema, che cmq già ho ideato è un sistema di battaglia...

non mi sono mai interessati giochi con allenanze e colpi bassi... riguardo caligula ce lo acquistai con la mia ragazza ma ne a lei ne a me è piaciuto...

Marco Valtriani

  • Utente registrato
  • Posts: 668
    • Autore professionista
    • View Profile
    • My Blog
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #11 on: 12 December, 2010, 15.46 »

Era giusto per fare un esempio...
Cerco di generalizzare: ci sono ambientazioni che hanno molti fan ma che, proprio per questo, sono considerate molto "sfruttate", mentre altre magari non hanno molti fan proprio perchè finora non sono state esplorate appieno, ma non è detto che non si possano ritagliare una più che nutrita schiera di fan.
Logged
Marco Valtriani
Red Glove Edizioni & Distribuzioni
Lead Designer
--
Board Game Designers Italia

Stormbringer

  • Utente registrato
  • Posts: 115
    • Esordiente
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #12 on: 13 December, 2010, 19.10 »

Era giusto per fare un esempio...
si lo avevo capito... era solo per dire che l'antica roma come ambientazione nn è male ma il sistema non si adatta ad un gioco di "intrigo"..
:)

Albe Pavo

  • Utente registrato
  • Posts: 29
    • Autoproduttore
    • View Profile
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #13 on: 01 March, 2011, 11.37 »

di solito dipende dall'età del target,

però andrei sul sicuro dicendoti WW 2 e Alto Medioevo

ovviamente l'originalità di queste ambientazioni è inversamente proporzionale alla loro commerciabilità :D

vasquas

  • Guest
Re:scelta dell'ambientazione
« Reply #14 on: 01 March, 2011, 12.04 »

di solito dipende dall'età del target,

però andrei sul sicuro dicendoti WW 2 e Alto Medioevo

ovviamente l'originalità di queste ambientazioni è inversamente proporzionale alla loro commerciabilità :D

Quoto la seconda guerra mondiale ha un alto riscontro, l'ho visto con il prototipo di Angel's Flight!

ciao!
Giovanni
« Last Edit: 01 March, 2011, 12.06 by vasquas »
Logged
Pages: [1] 2 3