//

Author Topic: Autoprodursi con partita iva  (Read 1733 times)

michele petracci

  • Utente registrato
  • Posts: 43
    • Esordiente
    • View Profile
Autoprodursi con partita iva
« on: 06 September, 2012, 10.38 »

Ciao a tutti, buone notizie per tutti coloro che intendono aprire la partita iva come autoproduttore di giochi (anche per altre attività).
E' possibile aprire la partita iva, senza poi l'obbligo di effettuare i versamenti all'inps (circa € 3000 all'anno), basta essere lavoratori dipendenti (preferibilmente con contratto a tempo indeterminato) e svolgere almeno 26 ore settimanali.
Inoltre c'è anche la possibilità di rientrare nel regime dei minimi.
Penso che valga la pena provare (almeno per 1 anno), logicamente bisogna avere un gioco decente sia nella grafica che nella meccanica. Poi limitare i costi disegnando in proprio i componenti del gioco. plancia, carte, scatola, istruzioni etc..
Per ultimo, attraverso il proprio sito web, e i vari canali di vendita on line ed un'eventuale vendita (magari in conto vendita) nei piccoli negozi di giocattoli, edicole etc.. pubblicizzare il gioco.
Grazie e buona giornata a tutti.

Logged

Khoril

  • Amministratore
  • *
  • Posts: 2675
  • Maestro dei materiali
    • Autore edito
    • View Profile
    • find me on BGG
Re: Autoprodursi con partita iva
« Reply #1 on: 06 September, 2012, 13.24 »

Poi limitare i costi disegnando in proprio i componenti del gioco. plancia, carte, scatola, istruzioni etc..
la professionalità degli autoproduttori si è molto alzata negli ultimi anni. se non vuoi rischiare di ritrovarti con il garage pieno di scatole del tuo gioco, ti consiglio di non sottovalutare per nulla questa parte del lavoro.

michele petracci

  • Utente registrato
  • Posts: 43
    • Esordiente
    • View Profile
Re: Autoprodursi con partita iva
« Reply #2 on: 06 September, 2012, 13.48 »

Grazie Khoril, hai perfettamente ragione.
In giro comunque si trovano anche dei giochi mediocri che non hanno niente di + di quelli creati da noi di Inventori di Giochi.
L'investimento come ho precedentemente descritto non è per nulla proibitivo e quindi sotto il mio punto di vista preferisco provare (e magari fallire) che rimanere in attesa di un interesse da parte delle case editrici.
La grafica e la meccanica devono essere sicuramente accettabili, questo è sicuro.
Ciao e buona giornata, grazie.



Logged