//

Author Topic: Programmatore Android per Clementoni  (Read 1349 times)

fantavir

  • Global Moderator
  • Posts: 1085
    • Autore edito
    • View Profile
Programmatore Android per Clementoni
« on: 29 July, 2013, 10.01 »

Ciao,
visto il recente post sulle app Android, vi segnalo che la Clementoni sta cercando un programmatore Android, da assumere per lo sviluppo di app ludico educative.
Questo il link: http://www.clementoni.it/it/job-opportunities/.
Non si tratta di boardgames, ma sono pur sempre giochi :)
Ciao
Logged
Una trasposizione scadente di una licenza in un gioco ha ottime possibilità di uccidere un potenziale nuovo giocatore, di stroncarne sul nascere l’entusiasmo e la volontà di scoprire se ci sono “altri giochi belli come questo” (A. Chiarvesio)

XtremeGame

  • Utente registrato
  • Posts: 588
    • Autore edito
    • View Profile
Re: Programmatore Android per Clementoni
« Reply #1 on: 29 July, 2013, 17.17 »

acc! non sono laureato (troppo giovane per esserlo) altrimenti mi sarei proposto come junior product manager =(

ma dimmi un pò, ho notato che a lato (destro) della pagina c'è "fatti conoscere".
questo significa che se ho un gioco che credo possa fare per clementoni, posso provare a proporglielo? e se invece ho un'app? o un giocattolo? o...o non lo so, che altro vi interessa??
« Last Edit: 29 July, 2013, 17.18 by XtremeGame »
Logged

fantavir

  • Global Moderator
  • Posts: 1085
    • Autore edito
    • View Profile
Re: Programmatore Android per Clementoni
« Reply #2 on: 30 July, 2013, 10.10 »

Ciao,
come esterno penso che le figure più adatte siano grafici, illustratori e chi abbia realizzato delle app educative (questo è un esempio per darti un'idea: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.clementoni.lafantafattoria. Poi ce ne sono altre, a target scolare, non presenti sullo store).
Ciao
« Last Edit: 30 July, 2013, 10.16 by fantavir »
Logged
Una trasposizione scadente di una licenza in un gioco ha ottime possibilità di uccidere un potenziale nuovo giocatore, di stroncarne sul nascere l’entusiasmo e la volontà di scoprire se ci sono “altri giochi belli come questo” (A. Chiarvesio)