//
Pages: 1 [2]

Author Topic: Mettere in produzione vecchi giochi da tavolo ormai usciti dal commercio.  (Read 1689 times)

Stefano Castelli

  • Utente registrato
  • Posts: 571
  • Game Designer Geostazionario
    • Autore edito
    • View Profile
    • Il Paradroide

L'idea di per sé non è male. Pensate ai MAME o lo scvumm, prendete un bambino e gli date Monkey Island o Ghost n' Goblin senza fargli vedere Call of Duty. Ci giocherà e li vedrà come novità.

Non è pensabile nel mercato dei videogame perchè non esiste nessuno che vende cose "vecchie".


Feeeermi, questo è falsissimo.

Tra retro-console ufficiali o licenziate come Nes Mini e compagnia bella, Virtual console e continue compilation il retrogaming è vendutissimo.
Logged
--

Stef

Stefano Castelli

  • Utente registrato
  • Posts: 571
  • Game Designer Geostazionario
    • Autore edito
    • View Profile
    • Il Paradroide

Buongiorno e ciao a tutti, sono nuovo di questo gruppo... da qualche tempo mi sono interessato ai giochi da tavola con la speranza di riportare le menti dei giovani sui veri giochi di società e non sulle chat virtuali.
Mi chiedevo, se i vecchi giochi, ormai usciti dalla produzione, si possano rispolverare e rimettere negli scaffali dei negozi.
Faccio l'esempio di "Brivido" ma ce ne sono tantissimi.
Mi piacerebbe sapere se sia possibile emularli sotto una nuova veste e dare loro nuova vita.
grazie

Sai, credo che questa idea rischi di basarsi su due premesse fondamentalmente errate.

1: C'è bisogno di riportare in auge i giochi da tavolo -> falso. Anzi, siamo nella cosiddetta epoca d'oro dei boardgame, probabilmente non sono mai stati così popolari e il mercato attorno a loro è diventato molto vasto. Secondo alcuni persino troppo. :)

2: C'è gente che correrebbe a comprare vecchi giochi ristampati -> non troppo vero. Non ci sono tantissimi giochi "vecchi" (che intendi con vecchi?) che mancano dal mercato e che vengono richiesti a gran voce, o che comunque avrebbero un seguito oggi. Monopoli è ancora vendutissimo, Risiko (Risk!) idem, ma dagli anni '80 non è che ci sia 'sta folla di giochi che "dovrebbero tornare". Se invece parli di giochi più recenti, diciamo usciti da una quindicina d'anni, questo può portarti qualche problema dal momento che se un gioco è popolare (vedi Carcassonne, Puerto Rico, etc, etc...) è ancora probabilmente sotto qualche contratto e se invece un gioco è scomparso nel nulla... beh, un motivo ci sarà. ;)
Logged
--

Stef
Pages: 1 [2]