//

Author Topic: THE TOWN, il mio primo gioco  (Read 610 times)

Less_Panic

  • Utente registrato
  • Posts: 17
    • Esordiente
    • View Profile
THE TOWN, il mio primo gioco
« on: 10 May, 2018, 22.54 »

Ciao a tutti!
Ho fatto questo post per descrivervi meglio il primo gioco che sto ideando, che ho iniziato a descrivervi nel mio post di presentazione.
Non ho ancora un regolamento definitivo, quindi scriverò qui di seguito tutto ciò che ho definito finora.

THE TOWN




Prefazione


"The Town" (nome assolutamente non definitivo) è un gioco di carte (e board game) dai toni ironici e surreali.
L'ambientazione, se vogliamo, è uno scenario post apocalittico poco convenzionale in cui un'evento radioattivo sconosciuto ha letteralmente fatto scomparire il genere umano dalla faccia della terra. Ma non è stato un evento distruttivo, anzi tutto è rimasto tale e quale. Per qualche misteriosa controindicazione hanno visto la luce delle nuove creature, che hanno preso vita da oggetti di uso comune, iniziando a popolare questo "nuovo mondo" abbastanza folle.

Il gioco nello specifico è ambientato in questa piccola città, nella quale prenderanno vita diverse strane e buffe creature. Questi strani esseri, dotati di spiccata intelligenza, inizieranno a manifestare dei comportamenti che non poco ricorderanno quelli degli umani. Perciò come ogni città che si rispetti, per far funzionare tutto bene ci sarà bisogno di un sindaco! Per questo motivo alcuni gruppi di creature, provenienti da diversi luoghi della cittadina, si coalizzeranno in diverse fazioni e inizieranno una vera e propria marcia alla volta del municipio, che non sarà priva di pericoli e trabocchetti.

Ogni giocatore controllerà una fazione, come ad esempio la lavanderia "Quick Laundry", il sexy shop "Love Store" o il "Tokyo Restaurant". Ogni fazione avrà poteri e strategie precise, si potrà avere un gioco più aggressivo e letteralmente distruggere le fazioni avversarie (si potrà vincere anche restando gli unici in gioco) o avere un gioco più "politico" per arrivare rapidamente al municipio.
Ci sarà infatti una forte componente politica, i giocatori potranno proporre e votare leggi e persino arrivare a creare un proprio partito!


REGOLAMENTO

Info e contenuto:

Giocabile da 3 a 6 giocatori (2 eliminando alcune regole)
6 fazioni differenti

6 mazzi da 30 carte (uno per fazione) -> ogni mazzo contiene 10 creature, 6 potenziamenti e 14 strategie)
Segnalini danno per contare i danni alle creature
24 carte strategia "Intrigo"
6 blocchi strategici per appunti

Tabellone:

Al centro si disporrà un tabellone "componibile". Ogni fazione ha un'area o spicchio, rappresentante la sua area della città, che rappresenta il percorso da compiere per arrivare al municipio.
Il municipio sarà rappresentato da una plancia più piccola che si disporrà al centro (sarebbe bello rappresentarlo anche con una piccola scultura in carta rigida).
Ogni percorso sarà di 20 caselle, che si diversificheranno per alcuni effetti bonus presenti su alcune caselle che si attiveranno solo se il giocatore ci finirà sopra. Questi bonus saranno differenti per ogni fazione!

In "The Town" ogni giro è considerato una giornata.
Ad ogni turno i giocatori potranno giocare diverse carte, attaccare le altre fazioni ed attivare particolari effetti bonus delle creature.


Come si vince?

Potranno verificarsi due diverse condizioni di vittoria:
1) Il giocatore ha raggiunto per primo il municipio, una delle sue creature si autoproclamerà sindaco!
2) Resta solo una fazione in gioco che ha sbaragliato la concorrenza!

Eliminazione dal gioco

Al gioco del trono o si vince o si muore... in "The Town" non è poi così diverso.
Quando un giocatore finisce le creature nella sua area di gioco (5 spazi), viene eliminato.
(sto pensando di introdurre azioni specifiche per i giocatori eliminati ma ancora non sono arrivato a questa parte)

Preparazione

- Si dispongono le aree del tabellone secondo il numero dei giocatori e le fazioni che hanno scelto di giocare.
- Ogni giocatore separa le 10 creature dal mazzo della propria fazione, le mischia e ne posiziona 5 attive scoperte nella propria area di gioco, rimettendo le altre nel mazzo.
- Si mischiano i mazzi e ogni giocatore parte con 5 carte in mano.
- Ogni giocatore posiziona tanti gettoni salute quanti indicati sulla salute di ogni creatura.

Caratteristiche delle carte





Creature
Hanno delle semplici icone di danno e salute che rappresentano il danno inflitto e la propria vita, che comporta la distruzione della creatura azzerandosi.
Ogni creatura ha un suo bonus molto semplice, scritto sotto le caratteristiche, che si attiva quando quella creatura specifica ne attacca un'altra. Ci sono bonus generici, presenti in tutte le fazioni, e in più ognuna ha il suo bonus speciale, presente solo in quella fazione.

Questi i bonus presenti (dove dice avanza di una casella o ruba una carta, si possono anche verificare casi in cui sono due o tre)


- Si possono giocare quante carte si vuole nel proprio turno e nell'ordine che si preferisce.
- Le carte "Vendetta" (facenti parte delle carte strategia) si giocano nel turno di un avversario in risposta a un'azione specifica.
- Le carte usate finiscono nei mazzi di scarto di chi le ha giocate, quindi non necessariamente della propria fazione (in caso di carte rubate, finiscono nello scarto dei ladri).

Le carte scartate possono finire in due mazzi diversi:

-Mazzo degli scarti -> Potenziamenti e strategie giocate. Quando finisce il mazzo, si mischiano e diventa il mazzo principale.
-Cestino -> Finiscono nel cestino le creature nel proprio campo distrutte in battaglia.


Il turno

Il turno di ogni giocatore a giro si svolge nelle seguenti fasi:

1) Il giocatore pesca una carta
2) Può giocare una o più carte strategia , potenziamenti o posizionare creature sul campo se c'è posto.
3) Sceglie la creatura attaccante e una creatura bersaglio nemica. Dopo il calcolo dei danni, si attiva il bonus della creatura.
4) Si ripete il punto 2
5) Fa una "proposta di legge", che scriverà su un "blocco strategico", che sarà poi votata alla fine della giornata (giro).


Le Fazioni

PARADISE MOTEL
Un sinistro motel che si dice fosse dimora di qualche assassino.
Ha una strategia aggressiva che punta ad eseguire pericolose combo di attacchi.

Bonus speciale
Passaggio segreto: Dopo l’attacco passa il turno a un’altra creatura, che attacca nuovamente attivando il suo bonus.

Creature di esempio
Jack lo squaltatore, Spavendoccia, Fuffi (una motosega con la faccia di Saw).

QUICK LAUNDRY
Una rapida ed efficiente lavanderia pronta a ripulire la città!
La sua strategia si basa sulla difesa dagli attacchi nemici e soprattutto la velocità.

Bonus speciale
Lavaggio rapido: Lava via potenziamenti e attributi, sia positivi che negativi, da una creatura a scelta.

Creature di esempio
Bice la lavattrice, Deterdivo, Soap opera.

TOKYO RESTAURANT
Un ristorante combattivo, pronto a scagliare il suo esercito di sushi per un'abbuffata di carte!
La sua strategia si basa sul controllo del mazzo e sull'avere più carte possibili per avanzare di molte caselle.

Bonus speciale
Menù alla carta: Scegli una carta dal mazzo e aggiungila alla tua mano, dopodiché rimischia il mazzo.

Creature di esempio
Hattori manzo, Jim besushi, Edamamma.

LOVE STORE
Un colorato sexy shop, pronto a colpire con l'unica forza che conta: quella dell'amore!
La sua strategia si basa sul rallentare, stordire gli avversari e invalidare le loro strategie.

Bonus speciale
Colpo di fulmine: Il nemico colpito rimane stordito (messo in orizzontale) e non potrà attaccare nel prossimo turno del suo giocatore.

(in molti avete suggerito che questa fazione potrebbe far finire il gioco nella categoria "+18")

Creature di esempio
My little pene, Fratelli cappuccini, Kung fu tanga.

TOXIC COVE
La baia della città, diventata col tempo una discarica di rifiuti. Ma si sa che prima o poi tutto torna a galla...
La sua strategia si basa sul recupero delle carte dagli scarti e dal cestino, anche altrui!

Bonus speciale
Riciclaggio sporco: Pesca una carta dalla cima del tuo mazzo degli scarti.

Creature di esempio
Severus Bidon, Bustina faso.

"LUNA PARK" (nome non definito)
Il misterioso luna park della città, ormai poco frequentato, se non da segreti e leggende metropolitane.
La sua strategia si basa sulla fortuna, sullo scambio e utilizzo di carte altrui, danneggiando gli avversari.

Bonus speciale
Mano del destino: Scambia una carta della tua mano con una del giocatore colpito, a sua scelta.



Leggi e votazioni, unanimità e partiti
(spero sia la vera novità del gioco, che apra spunti all'interazione tra i giocatori e la possibilità di mettere a punto molte possibilità)

Finché non ci sarà un sindaco, alla fine di ogni giornata di dispute i clan si riuniranno in assemblea per votare le leggi proposte.

- Ogni giro è considerato una giornata. Alla fine di ogni giornata si attiverà in gioco una nuova legge, che potrà avere infiniti effetti sui giocatori.

- Alla fine di ogni turno, ogni giocatore deve formulare una proposta di legge e scriverla sul suo “blocco strategico”, per poi eventualmente spiegarne le ragioni agli altri e farsi un minimo di propaganda. La proposta è totalmente libera, può andare a svantaggio o vantaggio di tutti, uno o più giocatori, può avere effetto immediato, interessare la giornata seguente o tutte le giornate fino alla fine del gioco. Le leggi che interessano tutta la partita devono restare ben visibili sul campo, vicino al municipio. L’unico limite a questa fase è l’immaginazione!

Unici divieti:
- Non si può distruggere più di una creatura per ogni fazione con una singola legge;
- Si possono assegnare effetti negativi a una o più fazioni specifiche solo se con effetto immediato o durante il prossimo turno. Quindi è vietato, ad esempio, impedire di pescare ad una fazione per il resto dei suoi turni, ma è possibile vietarlo per il prossimo turno.
- Seppur siano possibili leggi non riguardanti le dinamiche di gioco, non sono ammesse proposte che rendano più difficile a un giocatore, continuare il gioco facilmente in termini pratici. Ad esempio è vietato formulare una proposta che imponga a un giocatore di bendarsi, mentre è effettivamente possibile formularne una che lo obblighi a giocare in piedi, seppur non determinante ai fini del gioco.
- Per riferirsi ad altri giocatori è ammesso solo inserire i nomi dei loro clan nelle proposte.


Esempi di proposta di legge:
- “Tutti pescano 2 carte”
- “Tutti pescano 2 carte invece di una all’inizio di ogni proprio turno”
- “Toxic Cove e Paradise Motel perdono una creatura, tutti gli altri pescano una carta”
- “Ognuno in senso orario ruba una carta al giocatore successivo”
- “Io vinco la partita!”
- “Quick Laundry scarta tutte le carte e torna al punto di partenza”
- “Tutti avanziamo, per par condicio, di 2 caselle”
- “Tutti avanzano di 2 caselle e Quick Loundry retrocede di 5”
- “Il giocatore che controlla Love Store deve giocare senza maglietta”
- “Chi ruba una carta indietreggia di una casella, per tutta la partita”



- Alla fine di una giornata ogni giocatore avrà proposto una legge per la città. Prima di votare è possibile, da parte dei giocatori, farsi propaganda per convincere gli altri a votarli.
- Si procederà quindi con il voto. Ogni giocatore ha un gettone per ogni clan, dopo aver ritirato il gettone clan giocato nel turno precedente, li mischierà e giocherà coperto il gettone del clan che ha proposto la legge che vorrebbe approvare (non può votare per sé stesso). Una volta che tutti hanno un gettone coperto davanti a loro, si svelano le votazioni.
- La proposta più votata diventa legge e i suoi effetti si attivano immediatamente. Se ha effetti a lungo termine, resta vicino al municipio come promemoria.
- Se non si ottiene una maggioranza, la legge emanata sarà “tutti subiscono 1 danno a una creatura a scelta all’inizio di ogni giornata”. Queste leggi possono sommarsi, ogni volta che non si ottiene la maggioranza.
- I gettoni restano scoperti fino alla prossima fase di voto.

- Se la proposta di un giocatore viene votata all’unanimità dagli altri, il giocatore potrà aprire un partito, scegliendo una “plancia partito” e posizionandola davanti al suo percorso.
- Dopo che un clan ha aperto un partito, la via per il municipio sarà tutta in discesa! Per ogni voto che otterrete durante le proposte di legge aggiungete un segnalino voto sulla vostra “plancia partito” (non c’è bisogno che le vostre leggi vengano approvate). Durante ogni vostro turno, al posto di attaccare, potrete scegliere di avanzare tante caselle quanti sono i segnalini voto sul vostro partito.
Ma attenzione a non farvi troppi nemici...

All’inizio del gioco, ogni fazione aggiunge casualmente al suo mazzo 4 carte strategia “Intrigo” da un mazzo generico di 20 carte, giocabili principalmente in questa fase. Queste carte, una volta giocate, escono dal gioco.

---------------------------


Spero di non avervi annoiato con un regolamento troppo lungo!
Mi piacerebbe tanto ricevere pareri più esperti sulle meccaniche e sull'ambientazione, e anche sapere se ricorda altri giochi.
Oltre a capire se sia un progetto che varrebbe la pena portare avanti oppure no

Un saluto a tutti !




Logged

Khoril

  • Amministratore
  • *
  • Posts: 2632
  • Maestro dei materiali
    • Autore edito
    • View Profile
    • River Forge Project
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #1 on: 10 May, 2018, 23.25 »

il gioco mi sembra un pochino acerbo, quanta esperienza hai nei giochi da tavolo in generale?

la meccanica di votazione di una regola libera l'ho trovata una decina di anni fa in un'autoproduzione italiana di cui non ricordo il nome, era un acronimo tipo "BOL". normalmente una votazione di questo tipo si gioca con "leggi" codificate, come in Lancaster, Secret Hitler, Cuba,etc
ti lascio il link alla meccanica su bgg così puoi esplorare un po' di titoli: link

tinen23

  • Utente registrato
  • Posts: 581
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #2 on: 11 May, 2018, 8.59 »

Ciao,

purtroppo anche io la penso come khoril. E' un buon inizio per essere il tuo primo gioco ovviamente, ma ad essere onesto mi sembra un'accozzaglia di "cose" più che un gioco da tavolo fatto e finito. Le meccaniche di fazioni e creature con attacco e salute sono veramente troppo classiche e prese con un "copia-incolla" dai più classici giochi in commercio.
La vera novità che hai presentato, cioè la proposta di legge, che tra l'altro si stacca completamente dal resto del gioco in maniera decisamente troppo incisiva, è troppo libera e disorientante per i giocatori.
Innanzi tutto disicnentiva qualsiasi strategia, perché una legge scritta a caso e assolutamente non prevedibile, potrebbe cambiare i piani di tutta una partita improvvisamente con estrema frustrazione dei giocatori.
Poi diminuisce il desiderio di impegnarsi al tavolo, perché appena divento più forte degli altri, gli altri passano i prossimi 8 turni a farmi leggi solo contro di me, o positive solo per loro (ehy ho una proposta: peschiamo tutti 10 carte, tranne lui che sta vincendo, ok?) tant'è che, essendotene accorto, hai dovuto ammortizzare mettendo quella lista di divieti.

Dopo la critica comunque, vedo un buon impegno da parte tua e una certa dose di originalità. Ti consiglio come Khoril di cercare più info su boardgamegeek, e di farti un po' più di esperienza nei boardgame in genere. Non mollare ;)
Logged
Play is the way to forget the rain.

Less_Panic

  • Utente registrato
  • Posts: 17
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #3 on: 14 May, 2018, 10.15 »

Ciao,

purtroppo anche io la penso come khoril. E' un buon inizio per essere il tuo primo gioco ovviamente, ma ad essere onesto mi sembra un'accozzaglia di "cose" più che un gioco da tavolo fatto e finito. Le meccaniche di fazioni e creature con attacco e salute sono veramente troppo classiche e prese con un "copia-incolla" dai più classici giochi in commercio.
La vera novità che hai presentato, cioè la proposta di legge, che tra l'altro si stacca completamente dal resto del gioco in maniera decisamente troppo incisiva, è troppo libera e disorientante per i giocatori.
Innanzi tutto disicnentiva qualsiasi strategia, perché una legge scritta a caso e assolutamente non prevedibile, potrebbe cambiare i piani di tutta una partita improvvisamente con estrema frustrazione dei giocatori.
Poi diminuisce il desiderio di impegnarsi al tavolo, perché appena divento più forte degli altri, gli altri passano i prossimi 8 turni a farmi leggi solo contro di me, o positive solo per loro (ehy ho una proposta: peschiamo tutti 10 carte, tranne lui che sta vincendo, ok?) tant'è che, essendotene accorto, hai dovuto ammortizzare mettendo quella lista di divieti.

Dopo la critica comunque, vedo un buon impegno da parte tua e una certa dose di originalità. Ti consiglio come Khoril di cercare più info su boardgamegeek, e di farti un po' più di esperienza nei boardgame in genere. Non mollare ;)

il gioco mi sembra un pochino acerbo, quanta esperienza hai nei giochi da tavolo in generale?

la meccanica di votazione di una regola libera l'ho trovata una decina di anni fa in un'autoproduzione italiana di cui non ricordo il nome, era un acronimo tipo "BOL". normalmente una votazione di questo tipo si gioca con "leggi" codificate, come in Lancaster, Secret Hitler, Cuba,etc
ti lascio il link alla meccanica su bgg così puoi esplorare un po' di titoli: link

Grazie mille dei consigli costruttivi!
Effettivamente non sono un veterano di giochi e meccaniche, sono praticamente un novellino proprio del mondo dei giochi da tavolo oltre che della progettazione.
A questo punto direi di provare a farmi prima una cultura e poi vedere che mi viene in mente, non saprei se portare avanti in modo diverso la progettazione di questo gioco con questa ambientazione oppure riprovare da zero (diciamo che ci sono molto legato). Voi che consigliereste?

Grazie anche per i link a boardgamegeek. L'ho sentito nominare spesso ma non ho mai capito a cosa servisse di preciso il sito. In che modo potrà essermi utile?

Poi riguardo il gioco volevo chiedervi nello specifico quali secondo voi sono i punti che lo rendono acerbo, poco compatto e meccaniche troppo classiche e quali invece manterreste perché interessanti e/o originali?

grazie ancora!

Logged

Khoril

  • Amministratore
  • *
  • Posts: 2632
  • Maestro dei materiali
    • Autore edito
    • View Profile
    • River Forge Project
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #4 on: 14 May, 2018, 13.47 »

BGG è il più grande database di giochi da tavolo.

da giocatore lo puoi usare per recuperare immagini e regolamenti dei giochi per capire come funzionano, puoi trovare faq e suggerimenti strategici, semplici discussioni, traduzioni, un mercatino mondiale e la math trade italiana per scambiare giochi.

da designer puoi cercare di capire quali sono i trend, le classifiche, info sugli editori, database di meccaniche, famiglie di giochi e ambientazioni, design diary, interviste, news e novità etc

leggi le faq in fondo alla home di questo sito, capirai che per sperare di fare un buon gioco devi prima giocare tanto ai giochi moderni per capire a che punto è lo stato dell'arte del settore.

Less_Panic

  • Utente registrato
  • Posts: 17
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #5 on: 20 May, 2018, 16.42 »

BGG è il più grande database di giochi da tavolo.

da giocatore lo puoi usare per recuperare immagini e regolamenti dei giochi per capire come funzionano, puoi trovare faq e suggerimenti strategici, semplici discussioni, traduzioni, un mercatino mondiale e la math trade italiana per scambiare giochi.

da designer puoi cercare di capire quali sono i trend, le classifiche, info sugli editori, database di meccaniche, famiglie di giochi e ambientazioni, design diary, interviste, news e novità etc

leggi le faq in fondo alla home di questo sito, capirai che per sperare di fare un buon gioco devi prima giocare tanto ai giochi moderni per capire a che punto è lo stato dell'arte del settore.

Fantastico! Grazie!
Logged

LauLau

  • Utente registrato
  • Posts: 116
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #6 on: 20 May, 2018, 16.49 »

Ciao, come ho già detto nella tua presentazione ho trovato la parte grafica e l'ambientazione molto divertente e ben caratterizzata ma forse il gioco a mio avviso è un pò acerbo, con molte regole fine a se stesse che potrebbero essere evitate o cmq riconsiderate in funzione di strategie più ampie. Ti consiglio di far provare il gioco a diversi gruppi di persone e far loro compilare un test di valutazione anonimo ti servirà a capire cosa non funziona e fatti sempre le domande "Perchè un giocatore dovrebbe scegliere il mio gioco?", "Cos'ha il mio gioco in più degli altri del suo genere, che innovazione porto?" etc. Poi (e te lo dico da appassionata di grafica) spendi meno tempo a confezionare il prototipo e dedicati di più allo studio delle meccaniche. :)
Logged

Less_Panic

  • Utente registrato
  • Posts: 17
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #7 on: 07 June, 2018, 10.07 »

Ciao, come ho già detto nella tua presentazione ho trovato la parte grafica e l'ambientazione molto divertente e ben caratterizzata ma forse il gioco a mio avviso è un pò acerbo, con molte regole fine a se stesse che potrebbero essere evitate o cmq riconsiderate in funzione di strategie più ampie. Ti consiglio di far provare il gioco a diversi gruppi di persone e far loro compilare un test di valutazione anonimo ti servirà a capire cosa non funziona e fatti sempre le domande "Perchè un giocatore dovrebbe scegliere il mio gioco?", "Cos'ha il mio gioco in più degli altri del suo genere, che innovazione porto?" etc. Poi (e te lo dico da appassionata di grafica) spendi meno tempo a confezionare il prototipo e dedicati di più allo studio delle meccaniche. :)

Grazie mille per i consigli! :)
Logged

Kevon86

  • Utente registrato
  • Posts: 3
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #8 on: 17 October, 2018, 12.49 »

Ciao, sono nuovo, quindi ti darò un parere da giocatore più che da inventore.

Mi piace un sacco l'idea, gli oggetti comuni che prendono vita. Specialmente se avranno una grafica carina (un po' alla sushi go), sicuramente possono generare battute, siparietti e affezione nel giocatore.
A me piacerebbero tanto, e già mi immagino a difendere strenuamente il mio barattolo di fagioli.

La meccanica delle leggi totalmente libere mi sembra un po' esagerata, come già ti ha fatto notare qualcuno. Potresti creare un mazzo di leggi, dal quale pescarne 3 a fine turno, e ogni giocatore investe segretamente una quantità di punti politica su quella che preferisce. La legge con più punti politica diventa effettiva. Ti creerebbe una meccanica di gestione di questa risorsa (questa legge vale il rischio di investire tot punti politica?)

Mi sembrano poi una po' poche le quantità di carte che hai pensato, visto che sembra che se ne peschino molte durante il gioco, specialmente per alcune fazioni.

L'idea però mi piace, specialmente se lo tarassi per una durata non eccessiva e un montaggio semplice, potrebbe essere un buon gioco non troppo impegnativo, ma comunque con una discreta dose di strategia.
Logged

Less_Panic

  • Utente registrato
  • Posts: 17
    • Esordiente
    • View Profile
Re: THE TOWN, il mio primo gioco
« Reply #9 on: 17 October, 2018, 13.11 »

Ciao, sono nuovo, quindi ti darò un parere da giocatore più che da inventore.

Mi piace un sacco l'idea, gli oggetti comuni che prendono vita. Specialmente se avranno una grafica carina (un po' alla sushi go), sicuramente possono generare battute, siparietti e affezione nel giocatore.
A me piacerebbero tanto, e già mi immagino a difendere strenuamente il mio barattolo di fagioli.

La meccanica delle leggi totalmente libere mi sembra un po' esagerata, come già ti ha fatto notare qualcuno. Potresti creare un mazzo di leggi, dal quale pescarne 3 a fine turno, e ogni giocatore investe segretamente una quantità di punti politica su quella che preferisce. La legge con più punti politica diventa effettiva. Ti creerebbe una meccanica di gestione di questa risorsa (questa legge vale il rischio di investire tot punti politica?)

Mi sembrano poi una po' poche le quantità di carte che hai pensato, visto che sembra che se ne peschino molte durante il gioco, specialmente per alcune fazioni.

L'idea però mi piace, specialmente se lo tarassi per una durata non eccessiva e un montaggio semplice, potrebbe essere un buon gioco non troppo impegnativo, ma comunque con una discreta dose di strategia.

Ciao, grazie mille per il feedback e per i consigli!
Sono felice che ti sia piaciuta molto la parte di ambientazione e grafica, perché effettivamente, seppur non sia la cosa migliore da fare, è la parte su cui mi ero concentrato molto all'inizio.

Per il resto, posso dirti che tutto ciò che hai letto qui era una fase molto di bozza del gioco, a cui ho rimesso mano nell'ultimo mese evolvendo e cambiando praticamente quasi tutto a livello di meccaniche e regolamento.
Qualcosa è cambiato anche nell'ambientazione, ad esempio ho abbandonato a malincuore il Love store perché come suggerito da alcuni utenti poteva compromettere un discorso di target del gioco, quindi magari sarà un'espansione +18 hahah
La nuova fazione è un Bistrot vegano, quindi avoglia a fagioli :))
Logged