matematica spicciola

Home Forum Meccaniche matematica spicciola

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 4 post - dal 106 a 109 (di 109 totali)
  • Autore
    Post
  • #32362
    Niin
    Partecipante

    Ok, grazie per la dritta!!!
    Mi piace molto l'idea del limite del magazzino… applicherò questa!
    Quanto prima aprirò un post con il regolamento per poterne discutere.

    #32363
    Plautus
    Partecipante

    1) qualsiasi cosa può essere una risorsa
    2) una risorsa non è mai infinita
    3) una risorsa ha sempre un valore (e quindi prezzo, costo…)

    ad esempio, i carrarmatini del risiko potrebbero essere visti come risorsa: sono finiti (anche per motivi di materiali, se li metti tutti in gioco non puoi aggiungerne altri) e hanno un valore (puoi prenderne un piccolo tot ogni turno, o giocarti un sudatissimo tris guadagnato a forza di battaglie).

    Sono quasi completamente daccordo con te sui primi due punti, se ti può interessare ho scritto un piccolo articolo sull'argomento che puoi trovare su gioconauta.

    Sono daccordo sul punto 2 ma l'esempio del Risiko secondo me è sbagliato perchè confonde il concetto di risorsa col componente fisico che la rappresenta: una risorsa non è il suo componente. Potrei usare, invece che i carrarmatini, una tabella su carta in cui scriverei, per ogni territorio, quante armate ci sono, e concettualmente non cambierebbe nulla (anche se sarebbe molto scomodo giocare così). In altri termini una risorsa esiste come entità virtuale, indipendentemente da come scelgo di rappresentarla (potrei anche tenere tutto a mente.. alcuni scacchisti giocano alla cieca ;)

    La risorsa-carrarmati è finita non perchè finiscono i pezzetti di plastica ma perchè la quantità di cui può disporre il giocatore è finita; in altri termini i carrarmati diventano una “risorsa” solo nel momento in cui il giocatore li acquisisce e comincia ad usarli; finchè sono nella scatola è come se non esistessero. Quindi attenzione al punto 1 .. una risorsa è ciò che il giocatore usa, non tutto ciò che c'è nella scatola. Es. un cubetto che metto sul segnapunti non è una risorsa, mentre i “punti” si;  il tabellone di gioco non è, nel suo complesso, una risorsa, mentre i territori sono risorse a tutti gli effetti.

    Sul punto 3 sono daccordo a patto di fare un'importante distinzione: costo e valore sono due cose distinte. Ad esempio io posso procurarmi una stessa risorsa in più modi diversi, a costi diversi (eventualmente anche gratis) e ciò non cambia il suo valore.

    Un pensiero: questo thread ormai è un calderone in cui si parla di tutto, perchè non aprire thread più specifici in casi come questo? :-)

    Quando l'allievo è pronto... il maestro arriva!

    #32367
    maestrozappa
    Partecipante

    @niin figurati! :)

    @Plautus allora, vediamo:

    se mi passi il link al tuo articolo, leggo con piacere :)

    il punto della risorsa è legato al contesto. ovvero: ai fini del gioco “astratto”, ovvero punti, punteggi e qualsiasi altra cosa: ti do pienamente ragione. sono solo numeri che tengono conto della disposizione di ogni cosa. MA una cosa non esclude l'altra! per dire, nella mente dello scacchista c'è una rappresentazione astratta della partita, ma se gioca e vince è perchè questa sua rappresentazione è perfettamente fedele alla rappresentazione concreta di una scacchiera fisica. ovvero, nel cervello nostro abbiamo le nostre risorse coerentemente alla nostra rappresentazione di cervello; i numeri in una tabella sono coerenti al regolamento cartaceo; nel gioco fisico e concreto, i componenti del gioco sono coerenti alla stessa maniera alla rappresentazione fisica e concreta.

    il trucco è non fare confusione :) e cambiare punto di vista. dal tuo punto di vista quel che dici è vero e coerente; ciò non toglie che ciò che dico io, rapportato al mio punto di vista, è altrettanto vero e coerente. stesso discorso per regolamento e prototipo fisico!

    per il tuo punto dei carrarmatini: per maggiore chiarezza, si può fare riferimento alla risorsa “attuale” ed a quella “potenziale”. ovvero il giocatore ha due riserve: quella dei carrarmatini schierati sulla plancia, e quella dei carrarmatini ancora nella busta, che può potenzialmente schierare in un secondo momento. ciò non toglie che in un torneo, per dire (dove le regole sono applicate con ferocia) il numero massimo di forse che puoi schierare è pari a (carr.in plancia + carr. in busta), ovvero pari al totale di carrarmati del tuo colore nella confezione.

    concordo anche sul discorso tabellone-territori: quando dico “ogni cosa può”, non intendo “ogni cosa DEVE” :3 a seconda di come ci conviene lavorare, possiamo trattare come risorsa poche cose in un gioco.

    d'accordo anche sul fatto che prezzo costo e valore sono 3 cose diverse :) elencandole non intendevo usarle come sinonimi ma come elenco di cose che ci portiamo dietro.

    per un eventuale nuovo thread… si può fare! solo che nel mio cervello c'è un gran casino :D suggerimenti su cose di cui si potrebbe parlare nello specifico?

    Ancora tu!!

    #32375
    Plautus
    Partecipante

    Ecco il link: http://www.gioconauta.it/2013/07/le-risorse-in-gioco/

    Riguardo i nuovi thread.. mi riferivo genericamente al futuro, cioè ulteriori argomenti di discussione che dovessero venirti in mente, magari potresti non accordarli a questo ma aprire un thread nuovo.
    Ciao ;)

    Quando l'allievo è pronto... il maestro arriva!

Stai visualizzando 4 post - dal 106 a 109 (di 109 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.