Novizio in cerca di chiarimenti Kickstarter

Home Forum Pubblicare un gioco Novizio in cerca di chiarimenti Kickstarter

Taggato: 

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • #50193
    Marco
    Partecipante

    Salve a tutti,

    Da mesi mi sto preparando al lancio di una campagna Kickstarter. Ho già effettuato circa un centinaio di ore di testing del gioco. Ho creato partendo da zero il lato grafico e a breve curerò come si deve il lato logistico del gioco. Inoltre, ho già contattato più aziende per chiedere i preventivi e una in particolare ha attirato la mia attenzione. A breve sarà pure pronta l’anteprima della pagina Kickstarter.
    Insomma, quasi tutto è pronto, ma scrivo questo post per alcuni dubbi che mi sono sorti strada facendo.
    Le numero per semplificazione.

    1) Conoscete se ci sono periodi in cui è più conveniente lanciare un gioco? Ad esempio mesi con maggior utenza su Kickstarter o in cui semplicemente la gente è più predisposta a finanziare?
    2) Ho ordinato di recente un prototipo su thegamecrafter, ma oltre i costi anche i tempi sono elevati. Conoscete un sito più economico?
    Qua già entriamo più sul tecnico. In realtà, si tratta più di due domande che una sola.
    3-1) I marchi di sicurezza come per EU,UK, Australia e USA, EN71-1, 2, 3 e ASTM, che dovrebbero essere i corrispettivi di CE, UKCA, AU Safety Test e CPSIA test per gli USA e se non sbaglio (probabile che ho già sbagliato) Canada. Se volessi rendere possibile il pledge del mio gioco in tutto il mondo, dovrei effettuare per OGNI nazione un test? Oppure ci sono alcuni test di sicurezza come il CE accettati anche da altre nazioni all’infuori dell’UE? Immagino non ne esista uno valido a livello globale.
    3-2) L’impresa che con molta probabilità produrrà il mio gioco si è offerta di far eseguire lei stessa i test (EN71-1, 2, 3 e ASTM). La mia domanda è: in questo caso sarei coperto da eventuali problemi di responsabilità se per qualche assurdo motivo un backer si facesse male con il mio gioco? O ne risponderei sempre io? Cosa potrebbe tutelarmi in tal senso?

    4) Questa è più rivolta a gente che ha già progettato una campagna Kickstarter. Dei vari produttori di giochi da tavolo e centri logistici per il fullfilment che avete contattato quali di questi in rapporto qualità prezzo sono stati per voi i migliori? Sono abbastanza sicuro del produttore che ho scelto, spoiler, non si trova in Europa, ma potrei sempre non aver trovato il fornitore ottimale per me. D’altronde, sono un novizio in questo campo.

    E con questo e tutto. Vi chiedo scusa se mi sono dilungato un po’.
    Se per caso non sono stato chiaro in alcune parti sarò felice di spiegarmi meglio.

    Ringrazio in anticipo per le risposte

    • Questo topic è stato modificato 3 settimane, 2 giorni fa da Marco.
    • Questo topic è stato modificato 3 settimane, 2 giorni fa da Marco.
    #50197
    Khoril
    Moderatore

    Ciao Marco, partirei dall’assunto che su questo sito di norma sconsigliamo fortemente di lanciarsi in una campagna kickstarter e al contrario suggeriamo di seguire la via dell’editoria tradizionale. Non siamo in grado di darti consigli sicuri su un argomento delicato (parliamo di migliaia, decine di migliaia di euro, o anche più) come questo. Oltretutto la concorrenza dei grandi marchi (anche loro spesso in difficoltà) è spietata e la volatilità di tutti i prezzi è altissima.

    Fare l’autore di giochi e fare l’editore sono due lavori completamente diversi che richiedono competenze che oggi una sola persona difficilmente può avere. Chi cmq decide di lanciarsi si affida a professionisti del settore in grado di gestire una campagna nelle varie sfaccettature.

    Esistono gruppi su FB che trattano specificamente di crowdfunding per i giochi da tavolo e di ruolo, ma anche in questo caso mi sento di consigliarti di prestare molta attenzione a chi o cosa ascolti… di leoni da tastiera, quando si parla di soldi degli altri, ce ne sono a pacchi.

    In ultimo ti suggerisco di leggere questo articolo e di cercare l’esperienza dell’autore di Massilia, che ha autoprodotto un gioco tirandosi addosso un sacco di problemi.

    Ultima nota, giusto per portarti delle esperienze, un autore pluriedito poco tempo fa mi diceva che essendo il suo lavoro principale tiene il conto di quante ore dedica al design di ogni singolo gioco… per un eurogame medio mi diceva 600 ore… sicuro che da autore esordiente 100 siano sufficienti? L’hai testato con un pubblico ampio? Giocatori, associazioni, eventi come IDEAG, etc

    Fai un salto sul nostro gruppo FB e parlaci del tuo gioco, magari ti farai un’idea più chiara di come funziona questo mercato e potresti provare la strada dell’editoria tradizionale

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.